Principessa Mononoke è un film del 1997 scritto e diretto da Hayao Mihazaki. Considerato uno dei capolavori indiscussi dello Studio Ghibli e dell’animazione giapponese, è ambientato nel periodo Muromachi (1336 – 1573) e parla di un’intricata battaglia tra uomo e natura. Potete anche recuperare quest’opera grazie a un abbonamento Netflix, piattaforma che abbiamo anche citato parlando di quali usa per recuperare anime legalmente in Italia.

La narrazione si muove intorno a varie fazioni, ognuna pronta a perseguire i propri interessi a discapito dell’altra, di cui fanno parte i personaggi che adesso esamineremo in dettaglio. Per maggiori dettagli su questa opera, potete consultare il nostro articolo sul significato di Principessa Mononoke.

Emishi

Gli Emishi sono un popolo realmente esistito in Giappone fino al VIII d.C., momento del loro sterminio da parte del regime Yamato. Nel film sono rappresentati come un gruppo pacifico di persone che vive lontano dalla modernità, seguendo le antiche tradizioni e rispettando la natura. Ashitaka, il protagonista del film, fa parte di questa fazione.

Ashitaka

Ashitaka
Ashitaka, il protagonista del film

Ashitaka è il giovane principe del clan Emishi, loro futuro re e capo. È un abilissimo cacciatore, leader nato e abilissimo nel combattimento, spesso accompagnato dal suo compagno Yakkuro. Puro di cuore e altruista farebbe di tutto per la sua gente che di lui ha stima e rispetto.

All’inizio del film viene maledetto per aver ucciso uno spirito cinghiale impazzito che stava attaccando il suo popolo. La maledizione si manifesta come una macchia blu sul suo corpo che minaccia di ucciderlo col passare del tempo. Il suo desiderio di avere salva la vita lo porta a cercare una cura. Inizia il suo viaggio verso ovest, luogo di origine dello spirito, che lo porterà ad entrare, suo malgrado, nella battaglia tra gli abitanti di Tataraba e i Mononoke.

Durante lo svolgersi della narrazione Ashitaka cerca sempre di mettere pace tra gli uomini e la natura, proponendo uno stile di vita incentrato sul rispetto reciproco, tipico del suo popolo.

Yakkuru

Yakkuro, il fedele compagno di Ashikata.
Yakkuro, il fedele compagno di Ashikata.

Fidato compagno di Ashitaka, è un animale molto simile a uno Yak – da cui il nome -. Accompagna il protagonista nel corso di tutto il film, assistendolo sia in combattimento che nei suoi spostamenti.

Signora Hii

La signora Hii
La Signora Hii

Anziana del villaggio Eboshi, in cui svolge il ruolo di capo. Ha poteri mistici ed è lei che avvisa Ashitaka della pericolosità della maledizione dello spirito cinghiale.

Kaya

Kaya, la promessa sposa di Ashitaka.
Kaya, la promessa sposa di Ashitaka.

Ragazza del villaggio e promessa sposa di Ashitaka, nutre verso di lui sentimenti amorosi. Prima della sua partenza verso ovest gli dona il suo cristallo, simbolo del forte legame tra due persone.

Mononoke

I Mononoke sono gli dei cane che nel film proteggono la foresta dello Shishigami. Estremamente abili in combattimento lottano costantemente contro gli umani che vogliono distruggere la foresta per espandere i loro possedimenti.

San

San, la principessa Mononoke
San, la principessa Mononoke

San è la principessa Mononoke che dà il titolo al film. Da piccola fu abbandonata dai suoi genitori che, colti da Moro a danneggiare la foresta, non si fecero scrupoli a lasciarla indietro durante la loro fuga. Stupita dalla cattiveria degli umani la dea lupo decise di allevare Sae come fosse sua figlia.

Come la madre anche San cova un odio smisurato verso gli umani visto che, in particolare Eboshi, sono colpevoli di distruggere la foresta e uccidere gli animali. La sua incredibile abilità in combattimento, dove si presenta sempre con una maschera rituale, le ha fatto guadagnare il nome di “Principessa Fantasma“.

Per tutta la durata del film si prodiga insieme al suo clan per proteggere la foresta ed uccidere Eboshi, fermamente convinta che la sua morte porterà alla fine della Citta di Ferro.

Moro

Moro insieme a San
Moro insieme a San

Dea lupo al comando del clan dei Mononoke, per tutta la vita si è occupata di proteggere la foresta dagli umani che volevano distruggerla. È anche la madre adottiva di San, che ha salvato dopo che era stata abbandonata dai suoi genitori. Figura centrale nel suo clan, viene rispettata e temuta da tutti gli animali della foresta.

Tatara Mono

I Tatara Mono sono gli umani che abitano Tataraba, la Città di Ferro. Sfruttano la foresta per il suo legno, fondamentale per alimentare le fucine con cui viene fuso e lavorato il ferro, causando l’ira degli dei animali.

Eboshi

Lady Eboshi
Lady Eboshi

Donna a capo dei Tataraba, ha raccolto sotto di sè tutti i reietti della regione ridandogli dignità e un lavoro. Stimata da tutti gli abitanti del villaggio che vedono in lei un capo estremamente carismatico e affidabile.

È riuscita a costruire la Città di Ferro, a scacciare gli animali grazie alle armi che possiede e che continua a produrre. Vuole contnuare il suo progetto di espansione a danno degli abitanti della foresta, che odia con tutta se stessa. La sua posizione di potere come capo della Città di Ferro le consente di avere un vasto giro di alleanze che combattono per lei nel tentativo di assicurarsi il ferro che produce.

Durante il film cerca in tutti i modi di uccidere gli abitanti della foresta, in particolare i Mononoke, che combattono contro di lei per ucciderla così da fermare la sua avanzata.

Gonza

Gonza, il capo delle guardie
Gonza, il capo delle guardie

Capo delle guardie della Città di Ferro e braccio destro di Eboshi. Nonostante la posizione che ricopre viene visto da tutti gli abitanti come un nullafacente, venendo in particolare schernito dalle donne. Ha un carattere iracondo ed arrogante e tende a trattare tutti con aria di superiorità.

Toki

Toki
Toki

Toki è la più carismatica delle donne che lavorano al mantice ed è la prima ad accogliere Ashikata al villaggio, spiegandogli della battaglia in corso. Nonostante il suo carattere allegro e spensierato è anche molto responsabile, tanto che riesce a gestire il villaggio in assenza di Eboshi, quando in seguito agli eventi narrati nel film la situazione diventa seria.

Kohroku

Kohroku, il marito di Toki
Kohroku, il marito di Toki

Kohroku è il marito di Toki ed anche lui lavora nella Città di Ferro. Viene salvato da Ashitaka all’inizio del film dopo che era stato trovato svenuto in un fiume. Di indole pigra e allegra viene spesso rimproverato dalla moglie.

Emissari imperiali

Emissari inviati dal governo centrale per assistere il villaggio di Tataraba nella lotta contro gli dei animali della foresta, sono capitanati dal monaco Jigo.

Jiko

Jigo - Emissario Imperiale
Jigo

Monaco estremamente intelligente che viene inviato dal governo centrale per aiutare gli abitanti di Tataraba a sconfiggere gli dei animali. È sempre accompagnato dai suoi collaboratori, come lui esperti in combattimento e nell’uso delle armi da fuoco. Inizialmente parteggia per la fazione di Iboshi ma poi si scopre che sta mirando ad uccidere lo Shishigami e tagliargli la testa, che pare dia l’immortalità, per consegnarla all’imperatore in cambio di un premio in denaro.

Cinghiali

Il secondo clan per importanza di dei animali che vive nella foresta. Anche loro difendono la natura e combattono frequentemente contro gli umani. Spesso sono in contrasto con i Mononoke a causa delle differenze caratteriali che li portano ad essere molto meno riflessivi e più portati allo scontro.

Okkotonushi

Okkotonushi, il capo dei cinghiali
Okkotonushi, il capo dei cinghiali

Un antico dio cinghiale che sostituisce Naganokami a capo del clan dopo la sua morte. È cieco a causa di una sconfitta subita contro gli umani. Come molti membri della sua razza non va d’accordo con la razza dei Mononoke privilegiando un approccio più diretto nel combattere gli umani.

Naganokami

Naganokami nella sua forma corrotta
Naganokami nella sua forma corrotta

Il vecchio capo del clan degli dei cinghiale, corrotto a causa di un proiettile da cui è stato colpito in una battaglia contro Eboshi. Pian piano il colpo subito unito all’odio per gli umani lo porta ad assumere una forma demoniaca ed attaccare il villaggio di Ashitaka, da cui viene sconfitto e ucciso. È lui a maledire il protagonista e a costringerlo a iniziare il viaggio alla ricerca della cura.

Dei della foresta

Entità superiori persino alle tribù di dei animali, sono la massima autorità presente nella foresta.

Shishigami

Shishigami - Dei della foresta
Shishigami

Dio supremo della foresta, ha l’aspetto di un cervo con volto umano. Ha il pieno controllo sulla vita e la morte e si dice che la sua testa doni l’immortalità. Ashitaka lo cerca perché sembra che sia l’unica entità in grado di guarirlo dalla sua fatale maledizione. Durante la notte assume una forma alternativa, chiamata dagli abitanti del posto “il creatore di montagne”.

Kodama

Kodama
I Kodama

I Kodama sono degli spiritelli che abitano la foresta. Estremamente pacifici usano gli alberi come loro casa e spariscono man mano che vengono abbattuti, per questa loro caratteristica durante il film saranno degli indicatori dello stato di salute della foresta.

Altre fazioni (minori)

Questa opera ha un sacco di fazioni, tant’è che effettivamente ne compaiono due minoritarie che fanno la loro comparsa brevemente.

I samurai e guerrieri di Lord Asano

i samurai di lord Asano
I samurai di Lord Asano

Sebbene Lord Asano non compaia direttamente nel film, si vede il suo esercito di guerrieri e samurai. Lo scopo di questo losco figuro è quello di conquistare la Città di ferro ed effettivamente ci prova dopo che Iboshi abbandona la città.

Shojo (spiriti scimmia)

Gli shoujou
Gli shojo

Spiriti scimmia che abitano la foresta e ripiantano gli alberi distrutti. Odiano gli umani per il loro ruolo nella distruzione della foresta e disprezzano anche i Mononoke per aver accolto San tra di loro. Non sono dotati di grande intelligenza tanto che credono di dover mangiare gli umani per diventare più forti e intelligenti.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion