Lunediscord #2: Death Stranding, prima parte

Molte nuove funzionalità in arrivo per il gioco Niantic.

Nove anni dopo la separazione da Google (di cui faceva inizialmente parte) Niantic tiene ancora molto duro, soprattutto grazie a Pokémon GO e al più recente Harry Potter: Wizards Unite. Oggi annuncia novità in arrivo per il primo dei due giochi, alcune delle quali puntano su piccole e medie imprese tramite cui spera di realizzare le proprie ambizioni in realtà aumentata.

Gioca con il compagno

Una delle più interessanti è una funzionalità di interazione in multiplayer chiamata “Buddy Adventure” (“Avventura Compagno”). La modalità multiplayer del gioco si concentra al momento su battaglie online in tempo reale, ma questo nuovo e più amichevole concetto si focalizza su una esperienza AR condivisa: Buddy Adventure consentirà infatti di interagire col proprio Pokémon compagno (per chi è poco pratico scelto dal giocatore stesso nel proprio box) accarezzandolo e dandogli da mangiare delle bacche; si potrà inoltre fare lo stesso anche con i compagni dei propri amici. La modalità Foto GO sarà inoltre supportata: si potrà dunque fare una foto di gruppo con i propri amici e i loro compagni.

Nessun gameplay di gioco, per il momento – di conseguenza nessuna certezza su eventuali ricompense per aver interagito con il proprio compagno – ma il tutto è pensato per funzionare in tempo reale. In altre parole, perché la funzionalità possa essere utilizzata con gli amici è necessario trovarsi insieme nello stesso posto. Non si sa quanti in contemporanea, ma la funzionalità è specificatamente pensata per piccoli gruppi più che grandi raduni.

La nuova realtà aumentata e i punti di interesse

Niantic sta inoltre pensando a come migliorare le funzionalità di realtà aumentata, nello specifico per quanto riguarda la profondità. Al momento, infatti, il personaggio virtuale può finire di fronte a pareti e oggetti, spezzando l’illusione che si trovi nel mondo reale. In un evento passato tenutosi a San Francisco, la compagnia aveva condiviso un breve teaser riguardante come aveva intenzione di migliorare la realtà aumentata, facendo correre le creaturine dietro le pareti, facendole accucciare sotto un tavolo ed evitando che camminino sull’acqua per un’esperienza AR più naturale ed immersiva. Ora annuncia che il miglioramento sarà disponibile in un breve futuro per Android e iOS.

Altra novità in cantiere è Niantic Wayfarer, pensato perché i giocatori stessi possano dar vita alla mappa di gioco suggerendo nuovi punti d’interesse. Oltre 9 milioni di località sono state aggiunte in questo modo con la prima versione della piattaforma, in principio limitata ad Ingress come “Operation Portal Recon”. Disponibile da poco per un piccolo bacino d’utenza, Wayfarer sarà presto disponibile a tutti anche su Pokémon GO – i giocatori di livello 40 potranno suggerire località dopo aver superato un quiz iniziale, e gli altri potranno votare le località degne di essere aggiunte alla mappa.

Non si coinvolgono solo gli utenti: Niantic collabora già da tempo con società come McDonald’s, 7Eleven, Samsung, AT&T per creare località sponsorizzate chiaramente riconoscibili sulla mappa. Il piano d’azione si estenderà a dicembre alle piccole e medie imprese con il programma Località Sponsorizzate Niantic: in questo modo qualsiasi negozio o attività commerciale potrà programmare eventi come raid o raduni attorno a un modulo esca per radunare la clientela. Niantic sottolinea, inoltre, che sarà loro possibile attivare promozioni come distribuzioni coupon o offerte speciali, nella speranza di tramutare alcuni giocatori in clienti. I genitori apprensivi, ovviamente, potranno nascondere queste località dalla mappa dei propri pargoli.

Community dentro e fuori la mappa

Ultimo ma non per importanza, la compagnia americana annuncia di voler curare al meglio la community di sviluppatori esterni. A tale scopo ha aperto lo scorso anno l’accesso alla Real World Platform agli sviluppatori esterni, lanciando inoltre un concorso cui hanno preso parte molti interessati che hanno così potuto utilizzare la tecnologia Niantic per sviluppare le proprie app in realtà aumentata. Il concorso diventa ora il Fondo Beyond Reality, su cui nei prossimi tre anni verranno investiti circa 10 milioni di dollari per lo sviluppo di app in realtà aumentata. Chi passerà il vaglio di Niantic potrà quindi mettere in tavola le proprie idee, ricevere finanziamenti e assistenza di professionisti e godrà anche dell’accesso agli strumenti di sviluppo del produttore americano.

Se non si sa molto di Buddy Adventure, per Wayfarer e il programma Località Sponsorizzate c’è poco ancora da aspettare. Sul sito ufficiale gli interessati potranno trovare ulteriori informazioni sulla Real World Platform di Niantic.

Fonte: Engadget