Lunediscord #1: Je suis Valve

Mentre era in visita al Garage Museum of Art di Mosca la scorsa settimana, Hideo Kojima ha parlato di Death Stranding, e di come i giocatori dovranno tenere conto di alcuni personaggi durante il gioco.

“Abbiamo un personaggio che vive nel profondo del sottosuolo. È malato, e ha bisogno di medicine, e Sam può consegnarle”, dice Kojima tramite l’utente di Reddit “Keqpup”. “Poiché questo accade all’inizio della storia, è un must. Dopo aver completato questa missione, il giocatore stesso sceglie le seguenti azioni: si può costantemente andare dal vecchio e portare con sé la medicina, può consegnare altri oggetti, oppure si possono ascoltare le sue storie del passato”.

Kojima sottolinea anche che il gioco riguarda la disgregazione sociale delle persone, e i giocatori possono connettere i luoghi in base alle loro scelte. Inoltre, cita che gli schermi sono finestre sul mondo esterno per i giocatori moderni. Prosegue dicendo che Death Stranding offre ai giocatori la possibilità di interagire senza un contatto diretto.

“Ma il giocatore si muove costantemente  e si allontana dal personaggio”, continua Kojima. “Sono sicuro che ci sono giocatori che si dimenticheranno di questo vecchio. E poi se ne ricorderanno e vi ritorneranno”. Dal momento che non gli hanno portato la medicina per tutto questo tempo, probabilmente morirà. Attraverso tali azioni, si crea una connessione con il personaggio”. “Speriamo davvero che il significato della connessione tra le persone – come si forma e come si sviluppa – venga svelato, e sarà interessante giocarci”.

Death Stranding sarà disponibile l’8 novembre su PlayStation 4.

Fonte: dualshockers