Live #0: Di che colore sono i soldi su iCrewPlay?

Un omicidio organizzato in Second Life, è una notizia salita al primo posto nella speciale classifica nera della Gamification, oltre che di quella nazionale. E’ quanto successo a Vittorio Veneto il 18 luglio scorso dove Patrizia Armellin di 52 anni e Angelica Cormaci, di 24 anni hanno decretato il game over del cinquantasettenne Paolo Vaj, dapprima bastonandolo e poi soffocandolo con un cuscino.

L’interrogatorio di garanzia, oltre a convalidare l’arresto, ha svelato il movente dell’omicidio e la natura della relazione tra le due donne, nati nel magico mondo di Second Life.  Non ci vuole un genio a capire che il rapporto tra le due killer ha una natura patologica, ma la lente di ingrandimento va posta sul luogo in cui l’omicidio è stato organizzato. 

omicidio_second_life

Nella vita virtuale che le donne vivevano era nato un rapporto parentale genitore-figlio, dove Angelica era una bambina di appena 3 anni e Patrizia la sua mamma. La prima si era trasferita dalla Sicilia per assistere la sua madre virtuale che si era sottoposta ad un intervento chirurgico, stabilendosi a casa sua. 

Tra le mura di una casa reale, che nasconde un mondo virtuale, si è consumato il tragico epilogo.

“L’ho fatto per difendere mamy”, sono state le parole di Angelica durante l’interrogatorio, quando spiegava le motivazioni del suo gesto. La 24enne è intervenuta in difesa della sua mamma su Second Life, aggredita dal suo compagno e finita poi con l’omicidio di quest’ultimo.

Duole dire ma non è il primo caso isolato nel nostro belpaese

omicidio_second_life

Nel 2013, a Udine, due ragazze quindicenni uccisero il pensionato Mirco Sacher e riferirono alle Autorira queste agghiaccianti parole: Sembrava di essere in Gta, ci siamo sentite come l’eroe del gioco”.

Esistono dei confini, come quello tra realtà virtuale e vita reale che è meglio oltrepassare con cognizione di causa, cercando di capire le reazioni delle proprie azioni.

La vita è una sola e non vi è alcun replay o punto di checkpoint da cui ripartire. Quello lasciamolo ai videogiochi, e solo a quello.