di Francesco Alteri
il 7 Febbraio 2019, 14:18
in News

La casa di produzione promette che il 2019 sarà l’anno migliore di sempre, con produzioni AAA in arrivo.

 

Deadalic Entertainment annuncerà sei nuovi titoli nelle prossime settimane, e promette anche che il 2019 ospiterà “la più ambiziosa e diversa” line-up di sempre.

 

I sei titoli spazieranno tra diversi generi: RPG a turni, roguelike cooperativi, survival MMO e avventure classiche.

 

Deadalic Entertainment CEO, Carsten Fichtelman, comunica in un intervista:

 

Il 2019 sarà l’anno di maggior successo per il nostro studio, non abbiamo mai avuto un portfolio così sostanzioso e diversificato. Continueremo a costruire e ad andare avanti diversificando la nostra line-up con titoli di alta qualità in diversi generi. Abbiamo team di sviluppo interni che stanno lavorando su titoli AAA, che stupiranno i nostri fan e i media. Con IP come queste, miriamo a creare uno scalpore che va oltre l’industria del videogioco.

 

Proseguendo, Deadalic prevede una maggior attenzione in futuro verso il supporto post-lancio dei suoi titoli:

 

Naturalmente, abbiamo monitorato da vicino il passaggio a “Games-as-a-Service” negli ultimi anni e una gran parte della nostra line-up si adatta perfettamente.

 

Fichtelman afferma:

 

Vogliamo offrire ai giocatori contenuti di alta qualità per questi titoli nei mesi e negli anni successivi al rilascio.

 

Fichtelman assicura che Deadalic continuerà ad offrire ai giocatori le sue avventure classiche:

 

Le avventure sono sono sempre state una “pietra angolare” del nostro successo. La comunity può star sicura che alcuni dei nostri titoli più famosi e iconici diverranno disponibili per console durante tutto l’anno.”

 

Intruders: Hide and Seek, un thriller compatibile con PlayStation VR sviluppato dai Tessera Studios, sarà “il primo di molti titoli [Deadalic] in arrivo” quando verrà rilasciato il 13 febbraio.

 

Per rimanere aggiornati su tutte le novita Deadalic, continuate a seguirci.

 



due parole sull'autore
Nato a Roma nel 1996, conobbe il modo dei videogiochi nel modo più brusco possibile: Resident Evil per Ps1 a casa di una cugina molto sadica. Ancora oggi, ricorda quel giorno come l'inizio della sua più grande passione, che porta con orgoglio sui banchi universitari della Facoltà di Lettere alla Sapienza.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su