Lunediscord #2: Death Stranding, prima parte

Dopo che, a seguito delle conferme di Activision-Blizzard, già 800 dei loro lavoratori (circa l’8% del totale) hanno perso il proprio posto, questo sfoltimento massivo tra gli sviluppatori non sembra volersi fermare.

 

Negli ultimi giorni, infatti, la notizia di un’ondata di “allontanamenti” – se così li vogliamo chiamare – ha travolto altre case di sviluppo. In particolare, stiamo parlando della statunitense ArenaNet, nota soprattutto per Guild Wars, e di FireMonkeys, casa australiana dipendente da EA.

 

Procediamo con ordine.

 

Il primo studio coinvolto in questo caso è, appunto, ArenaNet. Stando a quanto riportato da Kotaku, tra il 20 e il 21 febbraio Songyee Yoon – CEO di NCSoft West – manda una mail in cui comunica ai dipendenti la decisione.

A causa di un importante calo delle vendite, associato all’invecchiamento del brand, un taglio piuttosto drastico al personale sembra essere inevitabile. Parallelamente, sarebbero aumentati i ritardi nello sviluppo di titoli per PC e mobile e il costo del personale.

“Dove siamo – queste le parole nella mail di Yoon- non è sostenibile e non ci preparerà per il successo futuro”.

La società attualmente conta circa 400 impiegati. Non è ancora chiaro quanto sarà drastico il numero dei licenziamenti.

 

Qualche ora dopo, una notizia molto simile coinvolge la FireMonkeys. Fondata nel 2012, lo studio posseduto da EA ha 200 dipendenti a carico.

In questo caso, circa l’80% del personale andrebbe letteralmente a casa – un numero così elevato di sviluppatori da lasciare numerose incognite sul futuro della casa australiana.

Questo il comunicato di EA:

 

Gli studi di FireMonkeys lavorano su alcuni dei nostri titoli mobile più popolari. Recentemente abbiamo deciso di dividere i team per concentrarci meglio sui nostri servizi live, e siamo entrati in un periodo di consultazione che potrebbe avere un impatto su alcuni ruoli nello studio. Stiamo lavorando per far combaciare potenzialità con opportunità in questo periodo, individuando altre soluzioni per EA, e cercando di aiutare il più possibile i nostri impiegati.

 

Febbraio è stato quindi un mese durissimo per il mondo videoludico. Il nostro supporto di redazione va a tutti i lavoratori e amanti dei videogiochi che stanno attraversando un momento difficile.