Speciale
di Alberto Camani
il 28 Dicembre 2018, 13:52
in Speciali

Blizzard non ci sta pensando, ma i fan lo chiamano a gran voce. Sono aspettative campate in aria o Warcraft 4 è realmente irrealizzabile?

E’ passato più di un mese dal Blizzcon 2018 e i commenti che ho letto e sentito in giro sono stati decisamente curiosi.
Per lo più si parla della delusione riguardante il brand di Diablo (su cui direi che è stato detto già abbastanza e perciò ritengo sia meglio non aggiungere altro), ma mi è capitato di sentire giocatori delusi anche per quanto riguarda l’universo di Warcraft. La motivazione? Perché “Eh, io volevo Warcraft 4. Non l’hanno annunciato? Conferenza totalmente deludente.”
Il primo pensiero che mi è balzato in testa di fronte a queste critiche è stato:

“Con tutto quello che è stato annunciato, com’è possibile parlare di una delusione totale?”

Mare di regali ma niente Emiglio? ANCHE QUESTO Natale buttato nel cesso.

Certi commenti li attribuisco a quella che io chiamo “Sindrome da Emiglio Robot”, visto che mi ricordano le inutili lamentele che facevo da bambino, quando per Natale i miei mi regalavano tre scatole LEGO, il nuovo Spyro di turno e 20.000 lire, ma per me il Natale era rovinato perché volevo quel dannato maggiordomo robotico che ti portava la colazione a letto.


Tuttavia, a mente fredda ho cominciato a pormi qualche domanda sull’effettivo sviluppo di un ipotetico Warcraft 4.
Perché non è nei progetti di Blizzard? E’ davvero così impensabile un nuovo capitolo della saga da giocare in single player?

E’ chiaro che chi muove critiche come quelle sopra citate non è un giocatore di WoW, rendendo la panoramica sugli eventi avvenuti nel mondo di Azeroth dopo Warcraft III: The Frozen Throne poco chiara.

Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza.
La storia di WoW è ambientata 2-3 anni dopo la fine di The Frozen Throne, fungendo di fatto da sequel canonico della saga, perciò un grosso ostacolo per un eventuale Warcraft 4 sta proprio nella storia da raccontare, in particolar modo nella sua locazione temporale all’interno del vasto universo che si è creato negli anni.

Un altro problema riguarda i personaggi principali: Su Warcraft 3 abbiamo conosciuto eroi dal grande carisma e dalla grande caratterizzazione. Questi stessi eroi, su World of Warcraft, fungono da supporto ai giocatori, rubando loro solo di rado la scena.
I veri protagonisti di WoW sono i giocatori, che all’interno della lore sono conosciuti come “un gruppo di avventurieri ed esploratori”, personaggi totalmente anonimi se non per chi li impersona.

Questi due fattori rendono in poche parole Warcraft 4 solo un sogno difficilmente realizzabile.

E’ vero che ci sono delle scappatoie, alcune ambientazioni possibili dove un nuovo RTS ad Azeroth può prendere vita.
Ve le espongo di seguito, ricordando però che sono solo speculazioni e che Blizzard non è al momento interessata a sviluppare Warcraft 4.

L’ERA DEI TITANI

Quando Azeroth nacque, i Titani crearono dei loro servitori chiamati Custodi, esseri imponenti che il cui compito era quello di salvaguardare quel mondo in formazione. Su WoW ne abbiamo conosciuti parecchi, così come la loro eterna lotta contro gli Dei Antichi e i loro eserciti.
Un RTS con queste due fazioni ha un certo fascino, ma giocatori nostalgici potrebbero preferire scontri vecchio stile tra uomini e orchi.

PRIMA DI WARCRAFT: HUMANS AND ORCS

Qua di storie da raccontare ce ne sono a vagonate.
10,000 anni prima di Warcraft III, quando ancora i continenti di Azeroth formavano un’unica pangea, il grande impero degli elfi affrontava quella che venne ricordata come la Guerra degli Antichi, quando i demoni della Legione Infuocata tentarono la prima invasione su Azeroth.
Tra i personaggi principali ritroviamo dei giovani Malfurion, Illidan Stormrage e Tyrande Whisperwind.
La fine della guerra generò la deriva dei continenti che conosciamo ora, sui quali si svilupparono altre storie.
Una di queste narra della nascita del grande impero umano (diviso poi nei Sette Regni attuali) che si formò durante la guerra contro le grandi tribù dei troll, i quali potrebbero essere dei degni sostituti degli orchi!
Queste due storie che comprendono alcune delle razze principali della saga (tranne, purtroppo, gli orchi) possono, insieme, creare un interessantissimo prequel dalle molte possibilità narrative.
Stiamo parlando, infatti, di quella che probabilmente è l’idea più concreta tra tutte.

WORLD OF WARCRAFT DA UN’ALTRO PUNTO DI VISTA

WoW e’ un gioco decisamente vincolante, sia dal punto di vista social sia per l’abbonamento mensile che richiede. Sono tanti i vecchi fan che non si sono cimentati nel famoso MMORPG, rimanendo indietro con la storia. E questo, a pare mio, è un gran peccato.
Per questi giocatori sarebbe interessante vedere un RTS che faccia rivivere gli avvenimenti visti in WoW, ma con una meccanica ben diversa.
Purtroppo risulterebbe difficile valorizzare personaggi storici quando questi hanno avuto effettivamente poca influenza nelle varie battaglie, combattute invece dagli avatar dei giocatori, le cui imprese non possono essere certo ignorate.
I giocatori infatti, con i loro personaggi, sono entrati fortemente nella lore di Warcraft, ma gestirli come eroi anonimi in un RTS può risultare un’impresa troppo ardua da poter essere presa in considerazione da Blizzard.

POST WORLD OF WARCRAFT

WoW prima o poi finirà, e noi abbiamo già avuto qualche avvisaglia di quel che riserberà il futuro di Azeroth. Il Web Comic Anduin: Son of the Wolf (che potete leggere tranquillamente qui), vede un anziano Anduin Wrynn, l’attuale leader dell’Alleanza, affrontare “L’ultima battaglia da combattere”.
Sappiamo quindi che il giovane Anduin regnerà fino a veneranda età, combattendo contro l’Ombra in nome della Luce.
I giocatori di WoW molto probabilmente non vedranno mai questi eventi in gioco, poiché sono collocati in un futuro troppo lontano, ma un ipotetico Warcraft 4 potrebbe raccontarci come finirà l’eterna lotta tra Luce e Ombra.
Il rischio di spoiler per la trama di World of Warcraft, tuttavia, è troppo grande, e un progetto del genere difficilmente vedrà la sua pubblicazione in tempi brevi.

Queste, diciamo, sono le teorie più papabili che mi sono venute in mente nell’ultimo mese. Resta però il fatto che dovremo aspettare probabilmente anni prima di avere qualche notizia in merito.
Nel frattempo possiamo accontentarci di Warcraft III Reforged, in uscita nel 2019.

E se…

…alla fine Warcraft 4 sarà effettivamente come Emiglio Robot, ovvero qualcosa che non raggiunge le aspettative, si incastra sul tappeto rovesciando il vassoio e tutto ciò che c’è sopra, facendoti infine pentire di esserti lamentato per anni pur di averlo?



due parole sull'autore
Ragazzo affascinante ma pignolo, diviso tra mondo reale e virtuale. Nel primo è l'ambizioso Lead Game Design di un team indipendente impegnato nello sviluppo di videogame. Nel secondo un mago arcano umano lv110 su World of Warcraft, con 5700 ore all'attivo (senza contare il tempo speso dietro agli altri 10 personaggi secondari) La dura vita della doppia identità...
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su