Live #0: Di che colore sono i soldi su iCrewPlay?

Bandai Namco Entertainment annuncia, tramite comunicato stampa, la seconda modalità storia di Soul Calibur VI, chiamata Libra of Soul.

 

SVELATA LA SECONDA STORY MODE, LIBRA OF SOUL, DI SOULCALIBUR VI!

BANDAI NAMCO Entertainment Europe ha rivelato ulteriori informazioni su SOULCALIBUR VI, tra cui l’annuncio della seconda Story ModeLibra of Soul, la creazione di personaggi, il gameplay online e il primo personaggio del DLC, Tira.

Libra Of Soul è la seconda Story Mode in SOULCALIBUR VI, che si unisce alla modalità Chronicle of Souls già rivelata. In questa modalità di gioco, i giocatori saranno in grado di creare il proprio combattente personalizzato da zero prima di vagare per il mondo in una missione per fermare un nuovo genio del male, al lavoro per raccogliere i frammenti di Soul Edge. Lungo la strada, i giocatori incontreranno sia i personaggi della trama principale, sia i guerrieri creati dalla comunità, combattendo in una serie di scontri basati su specifiche regole che modelleranno il loro percorso.

I giocatori saranno in grado di personalizzare i loro personaggi attraverso migliaia di diverse combinazioni, potranno scegliere tra 16 razze, comprese umana, lucertola o anche scheletro vivente, prima di personalizzare la dimensione, le caratteristiche facciali, l’acconciatura, i vestiti, le armature, e ovviamente, le armi e gli stili di combattimento!

Svelata oggi a Gamescom anche la modalità online, che permette ai giocatori di combattere usando i propri personaggi personalizzati o i combattenti preferiti di SOULCALIBUR VI contro altri giocatori di tutto il mondo in partite casuali o classificate.

Inoltre, Tira è anche stato annunciato come personaggio bonus per coloro che acquistano il Season Pass. Tira sarà anche venduto come DLC stand-alone.

Tira, armata della sua Ring Blade di nome Eiserne Drossel, combatte usando il suo stile specifico. Allenata dal misterioso gruppo di assassini Birds of Passage, Tira abbandonò il gruppo dopo che il suo capo divenne pazzo.


Fonte