Speciale
di Guido Avitabile
il 1 agosto 2018, 18:30
in Speciali

Da Cinefili a Cinofili il passo a quanto pare è breve

Ce lo ha dimostrato Paul Solet con il suo Bullet Head. Il regista dimostra per l’ennesima volta, che non basta avere attori dai grandi nomi per lasciare il segno. Non è sufficiente concentrare le trame sull’amore per i cani mostrando poi violenze sugli stessi. Bullet Head è un thriller freddo e claustrofobico disponibile in home video distribuito da Koch Media

 

Purtroppo il paragone con Le Iene di Tarantino sulla copertina del Blu-ray aveva già fatto trapelare un’odore sgradevole.

Bullet Head è freddo e asettico, un film che vorrebbe far ragionare su argomenti importanti ma fallisce miseramente nel processo.

Condividi
Cane e padrone

Tre sfortunati ladri, dopo aver svaligiato una banca, essersi schiantati contro un palazzo abbandonato perdendo l’autista sul colpo, e ancora inseguiti dalla polizia, cercano rifugio nell’edificio stesso. Convinti di essere da soli, decidono di aspettare il soccorso fino al tramonto,  pregni di una sicurezza che da lì a poco crollerà.

 

Nel palazzo infatti, si tengono incontri clandestini tra cani, ed uno di questi, imbattuto,  è riuscito a fuggire dalla propria gabbia e a sbranare vivo il custode. Quando i tre  incontreranno la bestia,  inizierà una lotta di sopravvivenza che li porterà a ragionare sul loro passato e su cosa hanno fatto della propria vita.

La trama di Bullet Head, se raccontata in questo modo, potrebbe anche risultare in un buon thriller. Non servono troppi attori per raccontare una buona storia intima di redenzione. E gli attori a Paul Solet non sono di certo mancati. Adrien Brody, John Malkovich, Rory Culkin e Antonio Banderas  sono le quattro punte di diamante che guidano il film nella sua corsa di un’ora e mezza.
Peccato che dopo i primi quindici minuti, tutto rallenti drasticamente andando a schiantarsi come il furgone dei tre ladri.

 

Fuggendo dal cane, ognuno dei ladri avrà modo di ripensare al proprio passato, ai propri problemi e ovviamente ai fallimenti che li hanno portati in quell’edificio a rischiare la vita. Tra droghe, violenze fisiche, psicologiche e  delusioni amorose, ognuno dei tre ha un racconto dedicato ad un compagno a quattro zampe.

Ma tutto questo non basta a tenere viva l’attenzione, salvo rari casi come la sequenza finale. Dialoghi fin troppo pomposi, che fanno il verso ad altri film, ma che  girano attorno ad un messaggio che fatica ad arrivare. Episodi di violenza su cani (mostrati fuori inquadratura) gratuiti e imbarazzanti, quando al termine dei titoli di coda passa il messaggio “Tutti i ricavati di questo film saranno devoluti contro i combattimenti clandestini di cani“. Un film che spreca il talento delle proprie star, e che cerca di trasmettere un messaggio (anche banale volendo) d’amicizia tra uomo e animale che purtroppo viene distrutto da tutto il resto.

 

Forse con una sceneggiatura migliore e meno fredda, Solet avrebbe potuto lavorare meglio. Occupandosi di entrambi invece, getta il fianco su qualcosa su cui è ancora debole, rendendo Bullet Head un film dimenticabile e poco incisivo.

 

Bullet Head
Di: Koch Media
Data di uscita: 12/07/2018
Prezzo: EUR 11,95
Acquista su Amazon

 

  • Attori: Adrien BrodyJohn MalkovichAntonio Banderas
  • Formato: Blu-ray
  • Audio: Italiano (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua: Inglese, Italiano
  • Sottotitoli: Italiano
  • Regione: Regione B (Maggiori informazioni su Formati Blu-ray.)
  • Numero di dischi: 1
  • Studio: Koch Media
  • Data versione DVD: 12 lug. 2018


due parole sull'autore
Assuefatto giocatore fin da quando non aveva neanche un pelo sul mento, ha coltivato la propria passione con lo stesso amore con cui cura la propria barba. Molti lo definiscono un Nintendaro senza speranza, senza contare gli oltre quattromila trofei presenti sull'account PSN e gli oltre 370 giochi su Steam (quanti di questi effettivamente giocati non lo sa neanche lui).
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su