News
di Cristiano Maria Masucci
il 14 maggio 2018, 19:33
in News

Valve si è di recente lanciata nel trend di caccia ai bug tramite “subappalto“.
In sostanza, gli hacker trovano (e ovviamente comunicano a Valve) errori, vulnerabilità e criticità nei loro sistemi e nei loro servizi, e la compagnia elargisce taglie in funzione della gravità del problema risolto.

 

Il sito di white-hat, ovvero hacker bianchi, Hackerone spiega nei dettagli quali sono queste ricompense, e per quali servizi Valve è in cerca di aiuto. Oltre che per Steam (nelle sue diverse versioni), si può essere ricompensati anche per vulnerabilità trovate in altri titoli multiplayer della compagnia o che riguardano l’economia o i server degli stessi.

 

Secondo i dati pubblicati dal sito, Valve avrebbe già pagato oltre centomila dollari di taglia ai vari cacciatori di bug mercenari che hanno collaborato con la compagnia.

 

Per novità ed informazioni dal mondo videoludico, continuate a seguirci.


due parole sull'autore
Impianto Termico Motore capace di convertire cibo in entrata in ore di gioco in uscita. Necessita di poca manutenzione, ma è molto rumoroso. Tenere lontano da fonti di luce. "Di un videogioco non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda."
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su