Live #0: Di che colore sono i soldi su iCrewPlay?

Felistella, sviluppatore della serie Genkai Tokki, ha rilasciato dei primi screenshot inerenti alla trasposizione del titolo Genkai Tokki: Castle Panzers da PS Vita a PS4.

 

Innanzitutto, due parole sulla trama:

 

La storia segue le avventure della principessa di un certo regno, sfuggita a un colpo di stato insieme a due dame da compagnia, che incontra sulla sua strada un eroe intenzionato ad aiutarla nella fuga. Presa questa decisione, l’eroe si ritrova circondato da nemici e una strana voce risuona nella sua testa: “Desideri la forza?“.

 

Non avendo altra scelta, l’eroe è costretto ad acconsentire. Così facendo, un castello misterioso spunta improvvisamente dal terreno. Il potere del castello spazza via i nemici e un altro personaggio dall’aria altrettanto misteriosa fa la sua comparsa: Otton.

“Hai stipulato un contratto con il castello!
Ma per utilizzare il suo potere, è necessario che tu offra in cambio la tua libido.
Libido.
In altre parole, dovrai stringere un legame con questa sacra triade di giovani fanciulle!”

 

Nel corso della nostra avventura, dovremo occuparci di raccogliere biancheria intima in giro per il mondo e di stringere un legame con il gruppo di ragazze che accompagna il protagonista.

“Sono sicuro che troverai un modo per liberarti dalla maledizione del castello se cercherai all’interno della biblioteca nascosta tra queste mura. 
Ho bisogno della tua forza per raggiungere il castello reale e riconquistare il regno!”

 

La galleria comprende una serie di screenshot e disegni che introducono i quattro personaggi principali: l’eroe Alex Ride, la principessa Iris Line Galestia e le due ragazze-mostro Sharon e Leaf.

 

E sì, a quanto pare il gioco comprende una meccanica per cui dovremmo avere a che fare con… lo capirete dalla galleria qua sotto.

 

Genkai Tokki: Castle Panzers verrà rilasciato in Giappone nel 2017 per PS4. Un primo trailer è disponibile qui.

 

Continuate a seguirci su I Love Videogames per ulteriori aggiornamenti

Fonte