Gameromancer DLC #1: un cancro di nome Steam

Lo scorso mese, su internet circolava voce che lo scrittore polacco Andrzej Sapkowski, il creatore della serie di romanzi The Witcher, avesse venduto i diritti del marchio a Metropolis Software per 4.000 dollari. Lo scopo era quello di realizzare un gioco che su volere di Sapkowski avrebbe dovuto chiamarsi “Hexer”. Ma alla fine a prevalere fu Adrian Chmielarz, CEO di Metropolis Software, che concepì il nome “The Witcher”. Il gioco non è mai uscito e dieci anni dopo Metropolis Software è stata acquisita da CD Projekt, che come sappiamo ha sviluppato la trilogia di The Witcher.

 

Ma quanto ha pagato in totale CD Projekt per acquisire i diritti del brand? Secondo Sebastian Zieliński, fondatore di CD Projekt Red, la casa polacca ha comprato la licenza in due rate, una da 15.000 PLN e un’altra da 20.000 PLN, che corrispondono ad un totale di circa 9.500 dollari. Sempre Zieliński, ci fa sapere che la prima bozza del contratto venne respinta da Sapkowski, perché era scritto erroneamente “Gerald” invece che “Geralt“.

 

Il primo gioco di The Witcher venne rilasciato nel 2007, ricevendo buone critiche e guadagnando una schiera di estimatori tra i giocatori hardcore. Nel 2011 uscì The Witcher 2: Assassins of Kings che sorprese positivamente la critica, aumentò il numero di estimatori e lanciò il marchio e gli sviluppatori nel mercato di massa. Nel 2015, con The Witcher 3: Wild Hunt c’è stata la consacrazione definitiva. Il gioco ha ricevuto una valanga di elogi, vincendo il titolo di Game of the Year svariate volte. Inoltre, il gioco ha venduto, e continua a vendere, molto bene, assicurando a CD Projekt un corposo ritaglio di spazio nel mercato di massa.

 

Come se non bastasse, il mese scorso è uscita la notizia che Netflix ha comprato i diritti di The Witcher per produrre una serie TV. Se l’operazione avesse successo, i guadagni in termini monetari e di visibilità per CD Projekt sarebbero immensi. Non male pagare “solo” 9.500 dollari e ritrovarsi tra le mani una gallina dalle uova d’oro.

 

Continuate a seguirci per restare aggiornati sulle ultime novità dal mondo dei videogiochi e per sapere di più sulla vicenda riguardante i diritti di The Witcher.

 

 


Fonte