Qualche giorno fa Gordon Van Dyke, noto ex producer della serie Battlefield e che ora lavora a Raw Fury Games, ha pubblicato su Twitter un post che ha fatto molto discutere gli utenti e i media italiani che vi proponiamo di seguito:

 

 

“Consiglio ai dev: Saltate la traduzione italiana. È uno spreco. Usate il budget per il russo o il portoghese-brasiliano”

 

In post successivi Van Dyke spiega questa sua affermazione, dopo una precisa domanda di un utente, dicendo che il mercato italiano è troppo sconveniente e la maggior parte degli utenti conosce bene l’inglese.

 

 

 

 

Per i nostri giochi si, fino ad ora. E direi che molti giocatori italiani sanno parlare/leggere l’inglese. Stesso spreco tradurre in olandese o svedese

 

Inutile dire che il post è degenerato, con alcuni utenti che criticano le parole di Gordon Van Dyke (oppure gli danno ragione) dicendo che in Italia la maggior parte della popolazione non compra videogiochi non nella nostra lingua

 

 


Fonte

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

Tag:

#LiveTheRebellion