Ep. 31: Scoprimi 'sta cippa

Secondo gli ultimi rumor usciti su NeoGAF e Kotaku, Destiny 2 sarà disponibile sia su console, che su PC ed introdurrà diverse novità.

In uno dei post di NeoGAF, si fa riferimento ad una fonte di Activision, la quale ha riferito alcuni dettagli riguardo ad una presentazione interna dell’azienda, nella quale era presente anche Destiny 2. La tesi di un prossimo capitolo dello shooter su PC prende piede, se pensiamo che anche Kotaku ha pubblicato sulle sue pagine alcuni dettagli sul titolo.

 

 

L’argomento più ridondante dei post, escludendo l’uscita su PC, è sicuramente quello che descrive il prossimo Destiny come un titolo diverso dal precedente. Non si tratterebbe, infatti, di un ampliamento, o una semplice rivisitazione di quanto già visto, ma di un titolo con nuove destinazioni, attività ed interazioni. Per esempio, dovrebbe essere possibile mettersi in coda per degli eventi, mentre il giocatore controlla il suo personaggio, come accade in World of Warcraft, invece di aspettare il prossimo match in orbita.

Un altro punto dei post pubblicati da tenere in considerazione è quello che annuncia che Activision starebbe collaborando – o comunque avrebbe in mente di farlo – con alcuni studi di sviluppo come High Moon e  Vicarious Visions, per dare manforte a Bungie. Questo potrebbe essere possibile, in vista di un eventuale nuovo motore di gioco, oppure, come scritto da Kotaku, in vista di un cambio di rotta per quanto riguarda la scrittura della storia, che dovrebbe portare all’introduzione di nuove razze, fazioni e nemici, con il conseguente lavoro di progettazione e realizzazione degli stessi.

 

Gli utenti del web ormai si sono resi conto che i post pubblicati fino ad ora, anche da siti diversi, hanno parecchi punti in comune, ma questo non ci da comunque la sicurezza per giudicare l’affidabilità dei rumor.   Probabilmente, solo il tempo sarà in grado di chiarire se le notizie trapelate siano vere o meno.

 

Per gli ultimi dettagli su Destiny 2, continuate a leggere I Love Videogames.

Fonte