Lunediscord #1: Je suis Valve

Capcom ha appena condiviso due profili dei nuovi personaggi del nuovo gioco Phoenix Wright: Ace Attorney – Spirit of Justice. Oggi si parla di Maya Fey e di Ahlbi Ur’gaid.

Ecco qui di seguito la descrizione integrale di questi due personaggi da noi tradotta. Buona lettura!

Nel secondo episodio di questa serie sui tanti personaggi presenti in Phoenix Wright: Ace Attorney – Spirit of Justice, ci separiamo dal nostro protagonista ed il nuovo personaggio introdotto, la sacerdotessa Rayfa per concentrarci sul ritorno della vecchia amica di Phoenix, Spirit Medium (in allenamento) ed Ace Assistant, Maya Fey! Parleremo inoltre del capace (se non troppo zelante) nuovo personaggio Ahlbi Ur’gaid, un giovane monaco che ha lavorato anche come guida turistica. Salta fuori che questi due personaggi hanno più in comune di quanto si potrebbe pensare.

 

Maya ha fatto la sua prima apparizione in Phoenix Wright: Ace Attorney come parte di un intricato e cupo caso che implicava Maya come sospettata per un assassinio. Nonostante Maya fosse inizialmente accusata del crimine – un’accusa che Phoenix riesce presto a sciogliere prendendo lui stesso il caso di Maya – ella presto si unisce a Phoenix per cercare chi fosse il vero assassinio e per portarlo verso la giustizia. Seguendo le tristi circostanze che hanno coinvolto Phoenix e Maya quando hanno ereditato la Fey & Co. Law Offices, Maya ha presto deciso di voler prendere il ruolo di assistente di Phoenix. Questa nuova amicizia nata dalla strategia risulta non solo nella rinomina degli uffici come Wright & Co. Law Offices,  ma è riuscita anche a sollevare l’umore di Maya ed a riportarla alla sua solita allegria. L’abilità unica di Maya, quella di incanalare gli spiriti dei morti (ragione per la quale il suo aspetto fisico cambia come risultato), assieme al suo naturale intuito e aspetto ottimista, ha aiutato Phoenix attraverso molti dei suoi primi casi – anche se il suo potere talvolta le ha causato più problemi di quanti ne abbia potuti risolvere!

 

Infine, Maya è ritornata nella sua casa al villaggio Kurain per continuare il suo allenamento come Spirit Medium e l’utilizzo perfetto della Kurain Channeling Technique per diventare eventualmente un Maestro dell’arte mistica – anche se sembra che abbia continuato a tenersi in contatto con Phoenix durante tutto il tempo. Tornando agli eventi di Spirit of Justice, Maya ha speso gli ultimi due anni nel Regno di Khura’in per aumentare la sua energia spirituale e completare il suo allenamento, per essere riconosciuta come capo del Villaggio Kurain – anche se sembra difficile da dire se abbia preso il suo allenamento davvero seriamente. Dopotutto, stiamo pur sempre parlando di Maya.

 

Nonostante i tanti anni passati dalla volta scorsa che l’abbiamo vista ed adesso, sembra essere sempre la stessa Maya – sempre biosa, sempre una grande fan di Steel Samurai ed altri eroi della giustizia, ed è pronta a punzecchiare i capelli di Phoenix tutte le volte che può. Nonostante il suo allenamento, sembra che non sia cambiata minimamente – persino il suo amore per gli hamburger e nell’infilarsi in qualsiasi tipo di guai se Phoenix ha bisogno di una mano.

Phoenix Wright: Ace Attorney – Spirit of Justice

Questa è almeno una delle cose che hanno in comune lei ed Ahlbi Ur’gaid, un giovane monaco che ha lavorato come guida turistica per mostrare ai forestieri il Regno di Khura’in. Un ragazzo laborioso ed energetico che adora parlare alle persone di Khura’in dicendo un appassionante “Permettetemi di spiegare,” Ahlbi mette tutto se stesso in ciò che fa – in particolare nello spiegare dettagliatamente la storia di Khura’in, cosa che può implicare diverse ore! Molte volte Phoenix ha dovuto mettere fine alle lezioni di storie di Ahlbi prima ancora che iniziassero, anche se sembra come se ad Ahlibi piacesse parlare dei posti che ha mostrato a “Miss Maya” durante il suo tempo nel Regno di Khura’in.

 

Oltre che a mostare il Regno agli stranieri ed ad accoglierli con il tradizionale “hap’piraki” Khura’inese, Ahlbi porta con sé, sulla gigante borsa che ha sulla sua spalla, delle merci di scambio, ad esempio la torta dolce conosciuta come magatah’man, o “soul bun.” Sembra che lo offra a chiunque capiti nel Regno. Chissà cos’altro si trova in quella borsa? H-hey… sono io, oppure quella cosa si è appena mossa?

 

È difficile da credere che questo coscienzioso ragazzo possa fare del male a qualcuno, ecco perché è stato un tale shock quando è stato accusato sia i aver rubato la reliquia sacra della sua terra madre, sia dell’omicidio della guardia del Tempio di Tehm’pul! Anche così, quando Phoenix si è ritrovato a difenderlo, l’atteggiamento amichevole di Ahlbi è cambiato totalmente quando ha scoperto che Phoenix era un avvocato. Sembra che le persone di Khura’in odino davvero tanto gli avvocati, tuttavia la resistenza di Ahlbi all’aiuto di Phoenix rende le cose più difficili. Come si difende qualcuno che sembra di non voler essere difeso?

 

Continuate a seguirci per rimanere aggiornati su Phoenix Wright: Ace Attorney – Spirit of Justice, il nuovo gioco di Capcom in arrivo su Nintendo 3DS l’8 settembre.

 

 


Fonte