News
di
il 8 novembre 2016, 21:13
in Comunicati Stampa, News

Ubisoft annuncia, tramite comunicato stampa, che è disponibile un nuovo Public Test Server per Tom Clancy’s The Division.

 

 

TOM CLANCY’S THE DIVISION® ESPANSIONE II: IL PUBLIC TEST SERVER DI “LOTTA PER LA VITA” È DISPONIBILE

MILANO — 8 novembre 2016 — Ubisoft® annuncia che un nuovo Public Test Server (PTS) è disponibile fino al 13 novembre per tutti i giocatori della versione Windows PC. Il PTS sarà utilizzato per testare l’aggiornamento 1.5, oltre che al nuovo contenuto “Lotta per la vita”, la seconda espansione principale di Tom Clancy’s The Division®.

 

In questa nuova espansione, i giocatori dovranno affrontare condizioni estreme, dopo che il loro elicottero è precipitato a causa di una violenta tempesta di neve. Gli agenti della Divisione sono stati informati dell’esistenza di una potenziale cura per la pandemia che ha colpito la città e ora devono recuperarla dalla Zona Nera. Trovare abiti pesanti, cibo, scorte, acqua e medicine sarà vitale per sopravvivere e completare la missione con successo. Le difficili condizioni ambientali non saranno l’unico pericolo da affrontare, infatti i giocatori dovranno evitare altri 23 agenti e i Cacciatori, un nuovo nemico letale e misterioso, che sarà sempre un passo avanti.

 

Tutti i giocatori Windows PC potranno accedere ai contenuti gratuiti inclusi nell’aggiornamento 1.5, tra cui la nuova Fascia del mondo 5. I possessori del Season Pass potranno accedere in esclusiva alla nuova espansione “Lotta per la vita” dal 4 al 6 novembre.

In “Lotta per la vita” i giocatori potranno scegliere di attivare la modalità PvP o PvE. In PvP, senza le meccaniche di tradimento, gli agenti potranno sfidarsi o collaborare con altri utenti in ogni angolo di New York, persino all’esterno della Zona Nera. In PvE, i giocatori potranno giocare in cooperativa con altri utenti e il PvP sarà disattivato, persino nella Zona Nera.

 

 



due parole sull'autore
Divoratrice di libri, manga ed anime; gamer-girl a tempo perso. Il suo eclatante ingresso nel mondo della tecnologia avviene all'età di tre anni, formattando, non si sa come, il computer dello zio. La sua esperienza di videogiocatrice comincia osservando il padre cimentarsi con Prince of Persia e Quake, salvo poi ricevere un computer tutto suo per iniziare a giocare autonomamente. Preferisce il genere RPG senza ombra di dubbio e serberà per sempre nel cuore il ricordo dell'estate in cui fuse la prima Play Station I giocando Suikoden II tre volte di fila per assaporare la trama fino in fondo.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su