News
di
il 13 marzo 2016, 17:05
in News

Utada Hikaru, nota musicista giapponese responsabile dei temi di apertura di Kingdom HeartsKingdom Hearts II (rispettivamente “Simple and Clean” e “Sanctuary”). La cantante è stata in pausa per circa 5 anni, ma sembra che quel tempo sia ormai finito.

 

Stando a quanto riportato dal sito ufficiale dell’artista, Hikaru starebbe lavorando sue due progetti al momento: la prima canzone sarà il tema di apertura “Hantaba wo Kibi ni” per la serie NHK “Toto Nee-chan“, mentre la seconda servirà come canzone di chiusura per News Zero su NTV; il titolo della canzone è ancora inedito.

In entrambi i casi, le nuove canzoni di Hikaru dovrebbero essere utilizzate a partire dal 4 Aprile.

 

Utada Hikaru

 

Per celebrare il suo ritorno, Utada Hikaru ha lanciato un nuovo sito web caratterizzato dall’animazione di un Ciliegio in fiore; man mano che i fan utilizzeranno degli hashtag speciali su Twitter (#おかえりHIKKI o #WelcomebackHIKKI) e compreranno le sue nuove opere, l’albero animato crescerà sempre di più con un numero di fiori sempre maggiore. Si tratta di un evento di beneficienza dal nome “New Turn”, e il denaro raccolto da questo progetto sarà devoluto alla coltivazione di alberi di ciliegio nelle aree colpite dallo tsunami e dal terremoto di Tohaku nel 2011.

 

Per quanto riguarda Kingdom Hearts III, tuttavia, non ci sono ancora conferme ufficiali che l’artista possa lavorare al tema di apertura per il titolo. Il suo ritorno nel mondo della musica, in ogni caso, fa ben sperare per tutti coloro che hanno già amato i suoi lavori passati nei capitoli precedenti della serie.

 

Utada Hikaru annuncia il suo ritorno imminente nel mondo della musica, che avrà inizio con l’utilizzo di due suoi nuovi brani a partire dal 4 Aprile. Restate sintonizzati per saperne di più!


due parole sull'autore
Nato e cresciuto nell'epoca d'oro della prima PlayStation, ha visto il susseguirsi di almeno quattro generazioni di console fin da quando era bambino, ed è fermamente convinto che non smetterà mai di viverle sulla propria pelle. Suo unico rimpianto: non essere nato abbastanza presto da vedere la nascita dei primi videogiochi. Coltiva segretamente la passione per la scrittura, che sfoga sulle pagine di I Love Videogames proponendo folli idee (aka: rompendo le scatole) agli altri redattori. Gestisce anche il podcast Gameromancer e la sezione Speciali.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su