Gameromancer DLC #1: un cancro di nome Steam

L’attore Norman Reedus, noto per il suo ruolo di Daryl Dixon in The Walking Dead, avrebbe dovuto essere incluso nel progetto Silent Hills che poi fu cancellato.

 

Nonostante tutto, Reedus ha fiducia nel fatto che Guillermo Del Toro e Hideo Kojima possano ancora fare “qualcos’altro”. Continua a pregare entrambi, chiamandoli con l’appellativo di “geni“.

 

Sono veramente dispiaciuto per ciò che è successo in Giappone, ma ho fiducia. Ho fiducia nel fatto che, noi tre da soli, possiamo fare qualcos’altro.

 

C’erano così tante idee e avvenimenti futuri fantastici, tutto buttato al vento. Non vedo perché non dovremmo ricominciare da qualche parte.

 

Reedus non si aspettava che la cancellazione di Silent Hills avrebbe fatto infuriare così tanti fan.

 

Lo scalpore nell’Internet a proposito degli avvenimenti su [Silent Hills] è stato enorme. Non avevo mai visto nulla del genere: petizioni con le firme di un centinaio di persone, petizioni “per favore fatelo“, è da pazzi. Si tratta di una fanbase pazza, non solo per il videogioco, ma anche per coloro che stavano realizzando quel titolo e per me che mi sono imbarcato in quell’avventura con loro. Ero più o meno “Cavoli, questo deve succedere. Dovete farlo.

 

Purtroppo lo sviluppo del gioco non è andato molto lontano. Secondo Reedus avevano terminato alcune cose relative alla fotografia ma “non sono mai arrivati alla storia completa”.

 

Abbiamo fatto qualcosa relativo alla fotografia, con un migliaio di telecamere che ti puntano da un milione di direzioni diverse. Non so se quel lavoro è finito nel materiale inutilizzato. Potrebbe essere nell’Hard Disk di qualcuno. Abbiamo fatto alcune cose in merito al titolo, ma non siamo mai arrivati al discorso della storia completa. Stavamo per farlo quando è esploso il “gavettone”.

 

Infine, Reedus ha terminato l’intervista con una dichiarazione davvero positiva:

 

Con un po’ di fortuna si potrebbe arrivare ad una sorta di accordo e fare in modo di continuare lo sviluppo, oppure potremmo fare qualcosa di molto simile ma diverso. Non lo so. Ho fiducia nel fatto che faremo qualcosa di veramente tosto perché sembra che sia una di quelle cose che DEVE succedere. È come il destino: deve accadere.

 

Come andrà a finire? Ricordiamo che Guillermo Del Toro aveva dichiarato che non avrebbe mai più lavorato ad un videogioco. Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti in merito al progetto Silent Hills.

 

 


Fonte