Gameromancer Ep. 29: War Has Changed

Andrew Schneider, FX Artist principale di Guerrilla Games, ha tenuto una conferenza, nel corso del Siggraph 2015, dal titolo “The Real-time Volumetric Cloudscapes of Horizon: Zero Dawn” dedicata, appunto al titolo omonimo in sviluppo presso la software house danese.

 

CMECpM2UYAA3cU_

 

Tramite questa conferenza siamo stati in grado di poter ammirare alcune immagini del cielo che sarà presente nel gioco.

 

image008

 

 

Grazie alla descrizione del panel, inoltre è stato possibile anche estrapolare maggiori informazioni:

 

Solitamente scegliere di inserire in un gioco nuvole volumetriche che si muovono e mutano in tempo reale comporta, per compensare le alte richieste di potenza e performance, un abbassamento della qualità generale. Gli approcci che si sono rivelati di maggior successo sono sempre stati limitati agli strati di nubi più basse, soffici e traslucide. Per Horizon: Zero Down, Guerrilla ha bisogno di qualcosa che permettesse di ottenere un effetto realistico e credibile per le nuvole in tutti gli strati e che possano anche mutare e spostarsi nel corso del tempo. Queste nubi devono avere la giusta illuminazione a seconda di ogni momento della giornata. L’obiettivo è  quello di avere delle nuvole che vengano calcolate ad una velocità di 2 millisecondi. Enfasi particolare verrà posta sulla nostra soluzione per l’abilità delle nubi di cambiare forma disposizione in cielo così come sui nostri modelli per l’illuminazione e sull’ottimizzazione.

 

E’ stato inoltre reso disponibile da Guerrilla un file PDF finalizzato alla creazione di un cosplay della protagonista, Aloy. Questo documento ci da la possibilità di poter ammirare nel dettaglio il modello del personaggio, accessori ed armi comprese.

 

no images were found

 

Sono stati forniti anche nuovi dettagli riguardanti il Tunderjaw, il robot simile ad un T-Rex affrontato nella demo mostrata all’E3.

 

Sembra infatti che il mostro possa essere considerato come uno dei tanti esempi dei traguardi tecnici raggiunti dal team che, in un intervista nell’ultimo numero di Official Playstation Magazine, ha dichiarato  che “il ‘Jaw’ è composto da 550.000 poligoni, 271 animazioni differenti, 67 effetti visivi, e più di 60 reazioni diverse ai colpi e agli impatti sia subiti che inferti”.

Inoltre, il bestione disporrà di 12 armi uniche tra cui cannoni laser, mitragliatrici gatling, un lancia dischi e altro ancora.

Sarà anche dotato di 63 pannelli rimovibili che dovranno essere colpiti per arrivare ai punti vulnerabili del bestione, che, tra l’altro, non sarà neanche uno dei nemici più ostici.

 

Insomma, molta carne al fuoco. Vi invitiamo quindi a restare aggiornati per scoprire tutte le novità riguardanti Horizon: Zero Dawn, atteso per il 2016 in esclusiva per Playstation 4.

Fonte