Lunediscord #1: Je suis Valve

Manca ormai veramente poco al rilascio di Xenoblade Chronicles 3D su New Nintendo 3DS, NintendoLife ha avuto l’occasione di parlare con Hiro Yamada, coordinatore generale del progetto, che svelato alcuni dettagli riguardanti lo sviluppo e le varie sfide che hanno dovuto affrontare per adattare il titolo per New Nintendo 3DS. A seguire troverete l’intervista integrale tradotta.

 

Quando è iniziato lo sviluppo del porting?


 Lo sviluppo è iniziato tra l’autunno e l’inverno del 2013.


Quanto era simile il nuovo team rispetto a quello originale? C’erano molti fan della versione Wii all’interno di Monster Games?


Il team di Nintendo che si è occupato del porting era composto da persone che conoscevano e apprezzavano il gioco, mentre all’interno di MGI non c’erano molti fan. Tuttavia dopo che hanno provato la versione Wii di Xenoblade Chronicles è piaciuta a tutti.


Quali sono le sfide che avete affrontato nel rilascio di un gioco per Wii su New Nintendo 3DS?


Le specifiche tecniche di Wii sono più elevate rispetto a quelle di New Nintendo 3DS, quindi anche un semplice port si è rivelato essere una sfida piuttosto ardua. Oltre a tutto questo, implementare il supporto 3D, che richiede il doppio della capacità per processare le immagini, ha reso il tutto ancora più difficile. Siamo riusciti ad aggiungere il 3D mantenendo la stessa qualità grafica, eccezione fatta per la risoluzione. Oltre al nuovo 3D più stabile, speriamo che i giocatori siano soddisfatti del risultato finale.


Dal suo punto di vista, quali sono le ragioni per cui Xenoblade Chronicles 3D è un esclusiva per New Nintendo 3DS? È per la maggiore potenza della CPU, il supporto necessario del C-Stick o per un mix di fattori?


Senza la potenza maggiore della CPU di New Nintendo 3DS rispetto a quella di Nintendo 3DS non saremmo stati in grado di realizzare questo port. Il New Nintendo 3DS aggiunge anche il C-Stick e i tasti ZR e ZL e grazie a questi siamo stati in grado di utilizzare lo stesso schema per i comandi della versione Wii. Non potevamo utilizzare lo schermo touch, quindi se questi tasti non fossero stati presenti non sono sicuro che avremmo potuto realizzare questo port.


Ci può parlare delle scelte di design, come ad esempio la scelta di utilizzare il secondo schermo per rendere meno confusionario quello principale. 


Sulla versione Wii di Xenoblade Chronicles venivano mostrate tante informazioni sullo schermo. Ci siamo accorti che mostrarle tutto su un solo schermo, quello superiore, del New Nintendo 3DS le rendeva meno chiare. Abbiamo spostato gran parte delle informazioni sullo schermo inferiore rendendo di conseguenza quello principale più chiaro e pulito. Volevamo comunque mantenere le stesse sensazioni della versione Wii e abbiamo scelto con cura cosa spostare nello schermo inferiore.


Xenoblade Chronicles è conosciuto per la dimensione della mappa e per i paesaggi impressionanti, realizzare queste cose su New Nintendo 3DS è stato semplice o si è trattato di un’altra sfida da superare? Crede che il 3D stereoscopico migliori l’effetto del mondo?


Nella realizzazione del porting per New Nintendo 3DS abbiamo dovuto utilizzare alcuni espedienti tecnici per riprodurre i paesaggi senza perdere dettagli o causare cali di performance. Lavorare con il 3D è stato molto difficile, ma è qualcosa che ritenevamo fosse necessario per godere al meglio dei paesaggi del gioco. Abbiamo davvero dato tutto ciò che avevamo per implementare il 3D.


Crede che caratteristiche come la galleria e il supporto per l’Amiibo di Shulk saranno popolari tra i fan? E c’erano già le idee per integrare l’Amiibo nel gameplay, come in Super Smash Bros, dove i giocatori toccano lo schermo con la base e il personaggio appare nel gioco?


La Collection Mode è stata proposta da alcuni membri del team che si occupava del porting. Il team di Nintendo era composto da fan accaniti del gioco, quindi credo che anche gli altri fan apprezzeranno queste caratteristiche. Come ho già detto, realizzare il porting è stata una bella sfida e non abbiamo intenzione di apportare modifiche al gioco in se.


Infine, quali sono i benefici di giocare Xenoblade Chronicles su una console portatile paragonata con l’esperienza si gioco su Wii?


Considerato che il gioco richiede oltre 100 ore per essere completato e che ci sono molte  persone che non hanno tempo a disposizione durante la giornata per sedersi sul divano e spendere un paio d’ore davanti alla Wii credo che grazie alla portabilità di New Nintendo 3Ds molte più persone potranno giocare a Xenoblade Chronicles.


 Xenoblade Chronicles 3D sarà disponibile a partire dal 2 aprile in esclusiva su New Nintendo 3DS.

Fonte