Recensione
di
il

Come sarebbe la vostra vita se ad un certo punto iniziaste a dimenticare il vostro nome?

 

Immaginate di passare numerose notti insonni, immaginate di arrivare a dimenticarvi persino il vostro nome. In Memoranda, la protagonista, Mizuki, ha proprio questo problema: è l’unica in tutto il suo villaggio a non sapere il suo nome.

Memoranda è una classica avventura punta-e-clicca liberamente ispirata ai racconti di Haruki Murakami. Un elemento, questo, che si può ritrovare nelle ambientazioni con personaggi surreali mischiati a personaggi reali, ma non nella storia: infatti, nei racconti del maestro ritroviamo spesso aspetti surreali legati a doppio filo alla storia, cosa non presente nel gioco.

Era il 6 ottobre 2015 quando Bit Byterz sbarca su Kickstarter alla ricerca di fondi per Memoranda, ed a distanza di oltre un anno la casa canadese, grazie all’editore Digital Dragon, ha rilasciato il titolo attraverso la piattaforma digitale Steam il 25 gennaio 2017 per PC, Mac OS e Linux (SteamOS) al prezzo di 14.99€.

Versione testata: PC

 

Come mi chiamo?

Di cosa parla Memoranda? Se dobbiamo essere sinceri è difficile dare una risposta a questa domanda. La protagonista, durante il suo viaggio, incontrerà alcuni assurdi personaggi che le faranno fare azioni molto particolari, ma tutto quello che Mizuki farà non avrà un vero filo logico. Ma andiamo con ordine, il gioco avrà inizio nella stanza della nostra protagonista, dove, dopo un breve dialogo con un personaggio accovacciato ai piedi del suo letto, la ragazza inizia a rendersi conto di aver dimenticato quasi del tutto il suo nome. Quello che è chiaro sin da subito è che non si sa il vero motivo per cui Mizuki non si ricordi chi è; sta perdendo la memoria? Ci sono agenti esterni che stanno influenzando la giovane? Riusciremo a dare risposta a queste domande lungo la storia, grazie a 10 ore circa di intrattenimento di quello che può essere considerato l’approccio più didattico immaginabile delle avventure grafiche classiche, un lavoro che non tenta mai di stravolgerne le meccaniche principali. Ci troveremo, quindi, di fronte al più classico dei punta e clicca dove gli enigmi saranno i protagonisti principali, enigmi che sapranno colpire nel segno, pur non mantenendo lo stesso livello per tutto il gioco. Aiuteremo ad esempio un ragazzo nella sua battaglia contro la paraplegia, ricercheremo i vecchi film del nostro padrone di casa, ma tutte le volte ci sembrerà che gli enigmi risolti non ci portino al nostro nome, così come alcuni dei passaggi che direttamente ce lo faranno ricordare.

A contrastare la pochezza della storia ci pensa però l’estetica grazie ad una grafica 2D completamente realizzata a mano con uno stile che per certi versi ci ricorda l’impressionismo francese dei quadri di Manet o Degas. L’utilizzo di colori decisi poi riesce a rendere ottimamente l’atmosfera che gli sviluppatori volevano farci vivere, un’atmosfera caratterizzata dalla magia e dal mondo surreale. Ciliegina sulla torta la colonna sonora, con canzoni delicate e mai invadenti che riescono a farci calare perfettamente nella parte. Le animazioni sono ridotte al minimo, ma per il tipo di gioco non sono un problema anzi, per certi versi possono essere una spinta in più considerando che il gioco è un progetto a basso budget.

 

In un tocco di mouse

Essendo la grafica il punto forte di Memoranda, potrebbe venire subito il dubbio che il gioco abbia la necessità di requisiti elevati per potere girare in tranquillità, invece non è così. Uno dei punti di forza del titolo è certamente la gestione delle risorse di sistema, facendo sì che siano necessari requisiti grafici decisamente bassi che portano il gioco alla portata di tutti gli amanti del genere. Basterà avere una modesta GTX 260 per poter giocare a qualità media a Memoranda.

Qui di seguito vi riportiamo i requisiti per le varie piattaforme:

 

REQUISITI DI SISTEMA:

 

Windows

MINIMI:

  • Sistema operativo: 7+
  • Processore: 1.7 GHz Dual Core
  • Memoria: 2 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 260, ATI Radeon 4870 HD, or equivalent card with at least 512 MB VRAM
  • DirectX: Versione 9.0c
  • Memoria: 800 MB di spazio disponibile
  • Scheda audio: DirectX Compatible Sound Card
  • Note aggiuntive: Mouse

 

MacOS

MINIMI:

  • Sistema operativo: Snow Leopard 10.6.8 or later
  • Processore: Intel Core Duo
  • Memoria: 2 GB di RAM
  • Scheda video: ATI Radeon HD 4850, NVIDIA GeForce GT 120, or equivalent card with at least 512 MB VRAM
  • Memoria: 800 MB di spazio disponibile
  • Note aggiuntive: Mouse

 

SteamOS + Linux

MINIMI:

  • Sistema operativo: Ubuntu 14.04 LTS or later
  • Processore: 1.7 GHz Dual Core
  • Memoria: 2 GB di RAM
  • Scheda video: OpenGL-capable graphics card with valid driver and with at least 512 MB VRAM
  • Memoria: 800 MB di spazio disponibile
  • Note aggiuntive: Mouse

 

Il gioco, essendo un classico punta e clicca, è stato sviluppato per essere giocato unicamente col mouse, cosa che rende il titolo alla portata veramente di tutti (certo non basterà cliccare sul mouse per risolvere gli enigmi) in quanto basterà ricordarsi di premere il tasto destro (o sinistro se siete mancini) per attivare qualsiasi azione.

 

L’arte non è tutto

Se dovessimo guardare un gioco per il solo aspetto grafico allora potremmo considerare Memoranda uno di quei giochi che chiunque dovrebbe avere nella propria collezione digitale. Sfortunatamente un Videogioco dev’essere giudicato nel suo insieme e quindi possiamo dire che il titolo made in Bit Byterz è una grande delusione, una storia che cerca di rifarsi alla letteratura giapponese, in particolare ai racconti di Murakami, facendone però uscire un’accozzaglia di idee non troppo amalgamate tra loro, creando una certa confusione anche negli enigmi che invece dovrebbero aiutarvi nel prosieguo della narrazione. Memoranda sarà ricordato come un gradevole punta e clicca, ma che con ogni probabilità si perderà tra i vari giochi dello stesso tipo anche a causa della mancanza di un vero guizzo e con un problema per molti abitanti del bel paese: la lingua italiana. Infatti il gioco è solo in lingua inglese, cosa che limita il potenziale pubblico.

 

Scheda Prodotto
Data di uscita: 25/01/2017
Articoli correlati:

In conclusione...
6
“N'che senso?”
Memoranda è il classico punta e clicca con alcuni alti, ma molti bassi. La storia risulterà per larghi tratti parecchio frammentata e a tratti illogica pur cercando di ispirarsi ai racconti di Murakami. Anche gli enigmi saranno per lo più senza un vero senso logico, arrivando quasi a chiedersi cosa si stia facendo. Ma, nonostante tutto, il titolo vi rapirà grazie alla sua pregevole grafica ispirata alla pittura francese ed alla sua ottima colonna sonora. Quindi consigliamo il gioco a tutti gli amanti dei punta e clicca, ma anche a tutti i coloro che da avidi lettori si sono appassionati ai racconti di Murakami.
Graficamente ottimo
Buona colonna sonora
Alcuni enigmi ben riusciti...
x ... Mentre altri decisamente meno
x Assenza lingua italiana
x Storia con poco mordente

due parole sull'autore
appassionato di videogiochi e fotografia, ho iniziato la mia carriera videoludica con una cassetta, col commodor64 per poi passare alle console: nintendo, sega mega drive, gameboy, gamegear passando al pc, anzi un mac fino ad arrivare ad oggi dove passo i miei momenti liberi tra un RPG su pc e un casual game su smartphone.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su