News
di
il 9 gennaio 2018, 23:16
in Comunicati Stampa, News

Razer, leader globale nel lifestyle gaming, ha presentato “Project Linda,” un laptop da 13,3 pollici alimentato dallo smartphone Android Razer Phone. Il concept ibrido tra smartphone e laptop rappresenta una nuova era per il personal computing mobile, unendo la familiarità dell’ambiente Android alla comodità d’uso di un laptop.

Project Linda

Essendo una delle poche aziende al mondo a cavallo tra interfacce utente, laptop e smartphone, Project Linda è un concetto rivoluzionario che rende meno netto il confine tra smartphone e laptop. Il laptop Project Linda di Razer integra perfettamente il Razer Phone all’interno del suo telaio dove normalmente risiederebbe un touchpad, connettendosi con la semplice pressione di un pulsante. La piattaforma mobile Qualcomm® Snapdragon™ 835 del telefono e 8GB di RAM offrono performance reattive, trasformando istantaneamente Project Linda in un laptop Android. Il display del Razer Phone da 5,7 pollici può essere utilizzato come touchpad, o come secondo schermo per accedere ad app, strumenti e altro ancora.

 

I power user Android e gli appassionati di laptop condividono l’esigenza di avere prestazioni elevate in formato mobile, che forniamo con i nostri pluripremiati Razer Phone e laptop Razer”, afferma il co-fondatore e CEO di Razer Min-Liang Tan. “Project Linda unisce il meglio dei due mondi, portando uno schermo più grande e una tastiera fisica all’ambiente Android, migliorando l’esperienza per il gaming e la produttività.

Una tastiera integrata di dimensioni standard si aggiunge alle funzionalità di Project Linda, fornendo maggiore efficienza e variegate esperienze di gioco. Gli utenti beneficiano di un’esperienza di digitazione reattiva e confortevole, personalizzata per l’ambiente Android con tasti dedicati per la navigazione, la ricerca e la selezione di app. La retroilluminazione Razer Chromaè ideale in situazioni di scarsa illuminazione e può anche essere personalizzata con milioni di opzioni di colore. Gli utenti possono completare l’esperienza di utilizzo del laptop usando il telefono agganciato come touchpad, o collegando un mouse per un controllo accurato nei giochi e nelle app.

 

Progettato per la mobilità, lo chassis in alluminio CNC unybody del Razer Project Linda misura soli 15 mm di spessore e pesa meno di 1,25 kg, incluso il telefono. Il touchscreen Quad HD da 13,3 pollici estende l’esperienza a 120 Hz disponibile sul Razer Phone su un display più ampio, fornendo fluidità e immagini vivaci. Il concept include anche una batteria interna da 53,6 Wh che in caso di mancanza di corrente può caricare per tre volte rapidamente e alla massima capacità il telefono collegato. All’interno del laptop sono presenti 200 GB di spazio di archiviazione, consentendo backup offline, ulteriori supporti e app storage locali. La connettività offerta da Project Linda include un jack audio incorporato da 3,5 millimetri, una porta USB-A, una porta di ricarica USB-C, una webcam da 720p e un microfono dual-array, offrendo una serie di opzioni per la comunicazione e i dispositivi esterni.

Project Linda colma il gap tra intrattenimento portatile e comodità del mondo laptop. Le prestazioni, il display e i due altoparlanti frontali del Razer Phone si combinano perfettamente con lo schermo più ampio, la tastiera e la batteria del Project Linda per fornire la migliore configurazione mobile ibrida per giochi, creatività e produttività.

 

Razer si è aggiudicata per sette anni consecutivi gli award “Best of CES”, grazie a innovazioni quali Razer Switchblade (2012), il tablet Razer Edge (2013), Project Christine (2015) e Razer Blade Stealth and Core (2016). Oltre 4.000 aziende competono ogni anno per questi riconoscimenti al CES, la fiera tecnologica più prestigiosa al mondo.

Per ulteriori informazioni sul concept Project Linda di Razer visitare razerzone.com/projectlinda.



due parole sull'autore
Un povero laureando in informatica, che ha scelto questa strada con la speranza di poter lasciare la propria impronta nel mondo dei videogiochi. Amante dei giochi di ruolo e, soprattutto, del gaming su PC (non a caso il PC gamer della redazione) non disdegna comunque il gioco su console, con diverse centinaia di ore di gioco per ciascuna console di sua proprietà.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su