News
di Barbara Canton
il 8 giugno 2017, 17:59
in Comunicati Stampa, News

Nexon annuncia, tramite comunicato stampa, la sua preparazione all’annuncio mondiale di Durango con un teaser trailer per l’E3 2017.

 

 

Nexon prepara Durango, evoluzione del “Persistent Open-World MMORPG” su dispositivi mobili, per l’annuncio mondiale 2017  

 

Entra anche tu nel mondo dinamico e primitivo di Durango e partecipa a lotte tribali coi dinosauri

 

EMERYVILLE, Calif., 8 giugno 2017 – Nexon e What! Studio annuncianoDurango, l’MMORPG sandbox “a mondo aperto” creato in un universo primitivo e alternativo abitato dai dinosauri, che sarà disponibile in tutto il mondo a partire dall’autunno 2017. I giocatori vengono catapultati dal loro mondo in quello di Durango, dove troveranno un ricco ambiente primitivo mescolato con elementi moderni. Per sopravvivere i giocatori dovranno ricorrere all’utilizzo di tecnologie e materiali dell’epoca attuale trasportati dalla loro vita precedente, diventando veri e propri pionieri che esplorano, coltivano ed evolvono in una landa selvaggia e pericolosa; tutto dipenderà da come interagiscono con l’ambiente virtuale e l’uno con l’altro.Durango rappresenta l’evoluzione dell’esperienza MMO multifunzione su mobile e offre ai giocatori la totale libertà di seguire diversi filoni di gioco, accostando allo stesso tempo esperienze uniche di esplorazione e costruzione delle città con battaglie collaborative e testa-testa in tempo reale contro clan di nemici e giganteschi dinosauri.

 

“Durango alza il livello in materia di giochi persistenti e massicci a mondo aperto su dispositivi mobili”, ha dichiarato Lawrence Koh, General Manager, Nexon M. “What! Studio ha creato un’esperienza ricca e dinamica per i giocatori per diventare dei veri pionieri tra i dinosauri, consentendo loro di modellare il mondo, gli eventi e la storia attraverso il social gameplay ed eventi in-game cooperativi e competitivi.”

 

In queste terre incontaminate i giocatori si uniranno, per poter sopravvivere, a dinosauri carnivori e cercheranno di prosperare in questo nuovo mondo pronto per l’esplorazione. Gli avventurieri impareranno a usare la terra a loro vantaggio, così come le armi artigianali, le armature e gli strumenti per sviluppare villaggi che possono crescere e trasformarsi da grezzi raduni in massicce fortezze. Durango utilizza un sistema di costruzione rivoluzionario generato proceduralmente che popola il massivo mondo aperto con un numero infinito di luoghi da scoprire e da esplorare. I giocatori potranno colonizzare un vasto numero di continenti stabili o scoprire e viaggiare in isole instabili piene di risorse, dinosauri e segreti da scoprire in una vasta gamma di ecosistemi e biomi che si apriranno e spariranno nel mare in un determinato momento.

 

Durango offre le sorprese spassose e spontanee di un gioco aperto e dinamico, per divertirsi insieme agli amici ovunque e in qualsiasi momento”, ha dichiarato Eunseok Yi, Game Director di What! Studio. “Dopo più di tre anni impiegati nel suo sviluppo siamo ora pronti a mettere l’universo di Durango nelle mani del giocatore, per scoprire il mondo insieme, forgiando comunità e amicizie, costruendo villaggi e fortezze e combattendo contro i clan rivali per ottenere la supremazia”.

 

Le primitive creature di Durango sono parte integrante dell’ambiente e dell’ecosistema del gioco, viaggiano in gruppo in cerca di acqua per abbeverarsi e combattono contro altri gruppi a loro ostili. I dinosauri sono molto più che nemici di caccia, infatti possono anche essere addomesticati e addestrati alla battaglia. Mentre il mondo di Durango si espande, i giocatori hanno la possibilità di creare, unire tra loro clan potenti o muoversi da soli, costruendo villaggi nello sforzo di aumentare la propria influenza e il proprio dominio sugli altri giocatori. I clan e i giocatori rivali possono sfidarsi in battaglie in tempo reale Player versus Player (PvP) o Clan versus Clan per decretare chi ha il clan più forte e chi possiede i più potenti dinosauri addestrati.

 



due parole sull'autore
Divoratrice di libri, manga ed anime; gamer-girl a tempo perso. Il suo eclatante ingresso nel mondo della tecnologia avviene all'età di tre anni, formattando, non si sa come, il computer dello zio. La sua esperienza di videogiocatrice comincia osservando il padre cimentarsi con Prince of Persia e Quake, salvo poi ricevere un computer tutto suo per iniziare a giocare autonomamente. Preferisce il genere RPG senza ombra di dubbio e serberà per sempre nel cuore il ricordo dell'estate in cui fuse la prima Play Station I giocando Suikoden II tre volte di fila per assaporare la trama fino in fondo.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su