News
di
il 8 maggio 2017, 12:05
in News

Diversi anni fa su GameCube arrivò Sonic Riders che ricordava le meccaniche dei giochi su skateboard. Comunque, Vision Scape Interactive ideò un progetto simile prima che Riders fu pubblicato.

 

 

Un nuovo resoconto di Liam Robertson e Did You Know Gaming discute riguardo Sonic Extreme, il quale avrebbe portato i giocatori a competere contro diversi personaggi della serie in molti mondi sopra degli hoverboard. Un prototipo lasciava il giocatore libero di esplorare una zona simile alla Green Hill Zone e di fare i così detti “trick”, aumentando così il punteggio. Una modalità a missioni singleplayer così come una modalità multiplayer di combattimento e corsa sono incluse nella prova.

 

 

Mentre Yuji Naka, allora capo del Sonic Team, fu impressionato dal lavoro di Vision Scape, quando fu presentato SEGA rimase in silenzio. Nonostante il fatto che Naka abbia detto entrambi i lati sarebbero andati avanti insieme e che fu detto a Vision Scape di stilare un documento sul design per un gioco completo e la quantità di budget disponibile. Ovviamente noi ora sappiamo che SEGA infine creò Riders prendendo gli elementi base del progetto Extreme.

 

 

Sfortunatamente per Vision Scape, anche se il loro lavoro fu usato per creare Riders, SEGA tecnicamente possedeva i diritti a causa di un cavillo legale generato da un contratto riguardante Sonic Heroes. Infatti Vision Scape lavorò a quel progetto per creare le scene cinematic, ma cedette tutti i diritti sul riccio blu a SEGA.

 

 

Qui sotto potete vedere un video che presenta il prototipo del gioco:

 

 

Sonic Extreme fu cancellato per poter dar vita a Sonic Riders.


due parole sull'autore
La sua carriera videoludica iniziò al terzo anno di vita passando le serate con il padre ed un Commodore 64, successivamente solista con Playstation e GameBoy Color. A causa del suo amore spassionato per i Pokémon fin da bambino nato grazie all'anime oggi può essere definito Nintendaro avendo ogni console casalinga e portatile della casa di Kyoto. RPG in primis e successivamente strategici, picchiaduro, rhythm e negli ultimi anni MOBA lo hanno plasmato. In realtà, e senza troppi segreti, è un nerd a tempo pieno non fermandosi solo ai videogiochi, ma interessato anche a fumetti, anime, cosplay ed uccidere giocatori a D&D.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su