News
di
il 16 maggio 2017, 19:39
in Comunicati Stampa, News

HMD Global annuncia, tramite comunicato stampa,che il Nokia 3310 sarà protagonista della stagione dei Festival in tutta Europa.

 

Voglia di Festival? Sì ma con il telefono giusto
Il Nokia 3310 si conferma il compagno perfetto in ogni condizione e contesto

 

 

Milano, 16 maggio 2017 – L’estate è sempre più vicina, la stagione dei Festival alle porte e con essa le grandi manifestazioni musicali, che con l’arrivo del caldo porteranno il rock (e non solo) in tutta Europa.

 

Ma affrontare la stagione dei concerti all’aperto può essere dura. Tra poco si parte alla volta di stadi, parchi, arene e autodromi per gustarsi show imperdibili da parte di artisti e gruppi del calibro di Jamiroquai, Red Hot Chili Peppers, Aerosmith, Eddie Vedder, Cranberries, Green Day, Radiohead, Linkin Park, Justin Bieber e tanti altri ancora. Oppure si attraversano le frontiere per partecipare a festival internazionali ricchi di fascino come il Primavera in Spagna, il M’era Luna in Germania e lo Sziget in Ungheria. Ogni data porta con sé emozioni sempre nuove.

 

Che siano festival o singoli spettacoli, un evento musicale all’aperto non basta mai a se stesso. Lo show è sempre accompagnato da intere giornate da vivere, godendo dell’attesa dell’evento, tra appuntamenti di ogni tipo. Un periodo che può essere un sogno, ma può anche trasformarsi in incubo se non si arriva preparati nel modo giusto.

 

E l’iconico Nokia 3310 è sicuramente un oggetto che non può mancare nel kit di sopravvivenza dell’irriducibile dei festival.

 

Con una batteria che dura fino a 31 giorni in standby, un look retro ma moderno e una scocca coloratissima, il Nokia 3310 rappresenta un vero e proprio must have. Stiloso, leggero, resistente e conveniente, questo classico rivisitato è il perfetto ‘festival phone’. Vanta anche una torcia LED per ritornare alla tenda a notte fonda. E, se l’attesa si fa lunga, c’è sempre spazio per una sfida a Snake!

 



due parole sull'autore
Divoratrice di libri, manga ed anime; gamer-girl a tempo perso. Il suo eclatante ingresso nel mondo della tecnologia avviene all'età di tre anni, formattando, non si sa come, il computer dello zio. La sua esperienza di videogiocatrice comincia osservando il padre cimentarsi con Prince of Persia e Quake, salvo poi ricevere un computer tutto suo per iniziare a giocare autonomamente. Preferisce il genere RPG senza ombra di dubbio e serberà per sempre nel cuore il ricordo dell'estate in cui fuse la prima Play Station I giocando Suikoden II tre volte di fila per assaporare la trama fino in fondo.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su