di
il 18 aprile 2017, 18:27
in Comunicati Stampa, News

Casual Bit Games annuncia, tramite comunicato stampa, che la campagna Kickstarter per Battle Princess Madelyn si è conclusa con il 354% dei fondi richiesti.

anteprima
Battle Princess Madelyn
Il retrogaming è uno dei settori più remunerativi del mercato videoludico. La passione di migliaia di videogiocatori per ciò che è vintage ha portato negli ultimi anni all'uscita di numerosi titoli ispirati ai grandi successi del passato. Casual Bit ...

 

PayPal Store Now Open For A Limited Time

PayPal Store – http://store.battleprincessmadelyn.com/
Kickstarter page – www.battleprincessmadelyn.com

Steam page – http://store.steampowered.com/app/603930

IndieDB page (direct download) – http://www.indiedb.com/games/battle-princess-madelyn/downloads/battle-princess-madelyn-pre-alpha-build

 

April 18 2017 – Nova Scotia, Canada. Causal Bit Games are pleased to announce that their Kickstarter for Battle Princess Madelyn closed at 354% of its funding target, attracting an incredible 3,402 backers who pledged CA$212,665 and are looking to continue raising funds through their PayPal Store.
“The campaign for Battle Princess Madelyn was an incredible and humbling experience. We honestly didn’t anticipate such a strong response for our game and it’s absolutely overwhelming hearing how people can relate to Maddi’s story. With this level of funding we will deliver our vision and make the game the very best it can be,” said Christopher Obritsch, Creative Director at Causal Bit Games. “For those of you who wanted to support our game, but were unable to pledge on the Kickstarter, we’re happy to say that we now have a PayPal Store open that mirrors the campaign’s tiers!”
For a strictly limited time period, buyers can still support the game via the PayPal Store, complete with the backer rewards from the Kickstarter. Funds collected with continue towards final stretch goals that were not achieved during the campaign.

 



due parole sull'autore
Divoratrice di libri, manga ed anime; gamer-girl a tempo perso. Il suo eclatante ingresso nel mondo della tecnologia avviene all'età di tre anni, formattando, non si sa come, il computer dello zio. La sua esperienza di videogiocatrice comincia osservando il padre cimentarsi con Prince of Persia e Quake, salvo poi ricevere un computer tutto suo per iniziare a giocare autonomamente. Preferisce il genere RPG senza ombra di dubbio e serberà per sempre nel cuore il ricordo dell'estate in cui fuse la prima Play Station I giocando Suikoden II tre volte di fila per assaporare la trama fino in fondo.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su