News
di Germano Ortale
il 8 marzo 2016, 22:23
in News

L’ultimo numero di Dengeki PlayStation ha riportato un’intervista con Norihisa Kochiwa produttore di Genkai Tokki: Seven Pirates, gioco per PlayStation Vita da poco annunciato da Compile Heart.

 

genkai tokki

 

 

Queste le domande e risposte:

Qual è la ragione dietro la scelta di fare un RPG questa volta?

“Data l’esperienza degli sviluppatori di Felistella per quanto riguarda il fare gli RPG di Compile Hear, come Neptunia, abbiamo deciso di rilasciare Genkai Tokki come un RPG questa volta.”

 

Ci sarà qualche personaggio maschile?

“Non ci sono. Ci siamo concentrati sul rappresentare ragazze con poco seno.”

 

Quante ragazze ci saranno?

“Ce ne saranno sette principali, ma oltre ad esse ci saranno molte ragazze-mostro che appariranno. Ci sono anche parti vivaci in cui strani mostri saranno renderizzati in 3D.”

 

Cos’è la “Crescita Seno”?

“Il sistema di crescita in questo gioco metterà le ragazze faccia a faccia con il loro seno, che crescerà tramite strofinamento. Strofinando lo stato aumenterà. Non solo sarà possibile far crescere il seno più grande, ma anche rimpicciolirlo volendo. Se il seno sarà prosperoso gli attacchi saranno più potenti ed anche la difesa sarà maggiore. Al contrario un seno più piccolo aumenterà la velocità del personaggio.”

 

“Ad una prima occhiata potreste vedere questo gioco solo come un ammasso di sessualità, ma in realtà stiamo continuando ad implementare contenuti inerenti.”

 

Genkai Tokki: Seven Pirates uscirà per PlayStation Vita in Giappone quest’estate al prezzo di 7344 yen. Sarà disponibile anche un’edizione limitata per 9504 yen.

 

Ulteriori informazioni su Genkai Tokki: Seven Pirates verranno rilasciate in seguito. Continuate a seguirci.


due parole sull'autore
La sua carriera videoludica iniziò al terzo anno di vita passando le serate con il padre ed un Commodore 64, successivamente solista con Playstation e GameBoy Color. A causa del suo amore spassionato per i Pokémon fin da bambino nato grazie all'anime oggi può essere definito Nintendaro avendo ogni console casalinga e portatile della casa di Kyoto. RPG in primis e successivamente strategici, picchiaduro, rhythm e negli ultimi anni MOBA lo hanno plasmato. In realtà, e senza troppi segreti, è un nerd a tempo pieno non fermandosi solo ai videogiochi, ma interessato anche a fumetti, anime, cosplay ed uccidere giocatori a D&D.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su